Profumo di pane, esperimenti in corso

Pane e fasi di cottura

Una delle variabili per la riuscita del pane è certamente la cottura. Per quanto si possano avere indicazioni riguardo tempi e temperature, esse sono sempre un punto interrogativo. Perché ogni forno è diverso e gli stessi tempi e temperature per un forno, possono non essere le stesse per un altro forno. Se hai il classico forno elettrico, è buona abitudine innalzare il grado di umidità quando si inforna il pane. Metti un pentolino di acqua calda sul fondo del forno, oppure vaporizza acqua all’interno del forno. La presenza del vapore nel forno favorisce una cottura uniforme e soprattutto permette di ottenere un pane con una bella crosta croccante fuori e una mollica morbida dentro.

Dopo varie cotture nel forno elettrico tradizionale, pur ottenendo un pane quasi sempre gradevole sia al sapore sia all’aspetto,  ho cercato una soluzione che mi soddisfasse maggiormente.

Ho iniziato a chiedere pareri e a spulciare nel web per capitare casualmente sulla pagina di “The Spring Oven”  Mi ha subito catturata. E’ l’equivalente della pentola in ghisa o della pietra refrattaria, ma ha un appeal estetico per me invidiabile. L’ho acquistato direttamente dal sito e dopo qualche giorno è arrivato. 

Quanto tempo è passato prima che iniziassi ad impastare??? Meno di un’ora!

Ho scelto di usare la farina di farro semi integrale e in piccola percentuale la farina di grano tenero 00.

L’esperimento è stato decisamente valido, grazie a questa bellissima terracotta. Il pane lievita e si cuoce come in un forno professionale.

Che dire? Cotto a pranzo, finito a cena!

Facebook
Pinterest
LinkedIn
Instagram